sabato, Luglio 13, 2024
Milano Sostenibile
HomeCulturaCome prevenire la violenza sulle donne. A San Giuliano, sabato 22 giugno...

Come prevenire la violenza sulle donne. A San Giuliano, sabato 22 giugno con Alessandra Kustermann intervistata da Ketty Carraffa

Presento una bellissima iniziativa, patrocinata dal Comune di San Giuliano Milanese e organizzata dall’Associazione nazionale Bersaglieri, Sezione Lodi, dedicata al tema della violenza sulle donne, nella quale intervisto la Dottoressa Alessandra Kustermann, che ho raccontato anche nel mio libro “Il Made in Italy delle donne” (titolo della rubrica omonima e che porterò in sala, per chi volesse acquistarlo).

Vi aspettiamo sabato 22 giugno, dalle 15 alle 17, presso la “Sala Previato” della Biblioteca comunale in Piazza della Vittoria a San Giuliano Milanese.

Quando le donne sono grandi esempi di vita, in ogni senso, che mettono nel lavoro che fanno la loro anima unita alla professionalità e voglia di cambiare il mondo a favore di chi non ha voce, come le donne vittime di violenza.

La Dottoressa Alessandra Kustermann è andata da pochissimo in pensione ma prosegue la sua attività di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, che accomuna il mio impegno e quello di tante donne e uomini solidali.

Alessandra Kustermann è stata Primario di Ginecologia, Ostetricia e Responsabile del Pronto soccorso violenza sessuale e domestica, della Clinica Mangiagalli, dove le donne sono accolte benissimo e messe a loro agio in un ambiente piacevole, anche durante la fastidiosa Mammografia…

Dopo la prima presentazione del libro, (realizzata presso l’Auditorium Teresa Sarti di Milano, il 25 novembre del 2019, con il Patrocinio del Municipio 9, Comune di Milano), la consegna delle copie alle Dottoresse del Reparto Senologia, anche loro protagoniste delle mie interviste, proseguono gli eventi di sensibilizzazione in tutta Italia, nei Comuni e con associazioni e aziende che hanno a cuore la cultura al femminile …

Il Progetto, l’evento e il libro: “IL MADE IN ITALY DELLE DONNE. La canzone di Marinella – Le donne, imprenditrici di se stesse”, sono dedicati alle donne vittime di violenza e al “saper fare” femminile, in ogni ambito del Made in Italy

“Sin dall’adolescenza, come  fotoreporter, Docente di Cinema e Comunicazione e Opinionista televisiva, di Milano, mi sono impegnata personalmente e professionalmente nella difesa dei diritti delle donne, nella sensibilizzazione contro ogni forma di violenza di genere, e realizza e organizza, su questi temi, numerosi eventi e progetti, con il supporto documentaristico, culturale, artistico e musicale, nelle date “canoniche” dedicate alle donne ma, soprattutto, ricordando ogni giorno dell’anno, le vittime e la necessità dell’educazione al rispetto, delle nuove generazioni.

Dopo l’uscita dei precedenti saggi e le relative presentazioni, sempre con alti Patrocini istituzionali, con i libri: “Come Marilyn da quando non c’è più – Il valore del lavoro al femminile”, “Come le mimose – Le donne e la discriminazione nei luoghi di lavoro” e “Le donne, acqua nel deserto, quattro storie di donne vittime di violenza”, nel 2019, con un’impostazione diversa, è in libreria il suo nuovo libro “Il Made in Italy delle donne” – La canzone di Marinella – Le donne, imprenditrici di se stesse”, uscito in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, il 25 novembre.

La produzione del libro è completamente autofinanziata, come l’organizzazione dell’intero progetto “Le donne, acqua nel deserto”, al quale è legato, con un messaggio assolutamente “in positivo”. Oltre alla mia introduzione, il libro contiene due contributi di esperti del mondo del Lavoro e dell’Arte al femminile e le interviste a donne del “fare italiano”, prendendo in considerazione le innumerevoli sfaccettature del made in Italy: sociale, medico, imprenditoriale e artistico.

“La canzone di Marinella” di Fabrizio De Andrè, è il riferimento personale dal quale parte la dedica (avendo seguito come fotografa i concerti del Poeta genovese, a Milano, dagli anni ’80 fino alla sua scomparsa) alle donne vittime di violenza, protagoniste come Marinella, di una favola con un bruttissimo finale.

Il libro parte con l’intervista a Dori Ghezzi, artista e moglie di Fabrizio De Andrè, per proseguire con la storia della Dottoressa della Clinica Mangiagalli di Milano, Alessandra Kustermann e di molte donne protagoniste del Made in Italy, in ogni ambito della vita.

Il tema del “fare al femminile”, cerco di svilupparloo per portare in tutta Italia e nel mondo, il valore del più profondo Made in Italy solidale e imprenditoriale delle donne, valorizzando le competenze, la professionalità e la determinazione, molte volte messe a dura prova nel corso della vita, anche dalle stesse donne, in perenne competizione. Racconto storie di protagoniste, anche non “italiane”, che hanno deciso di vivere nel nostro Paese la loro esperienza lavorativa, non semplicemente esaltando le “virtù” e prerogative tipicamente italiane adottate in ogni parte del globo, ma proponendo come valido esempio la ricerca della “bellezza” e dello stile italiano apprezzato in tutto il mondo da secoli.

Il collegamento tra Made in Italy e le donne, rispecchia il valore delle peculiarità al femminile, rispetto alle sfere del talento in ogni ambito di vita sociale e lavorativa, e prosegue gli intenti di sensibilizzazione sul tema dei diritti e dell’educazione, con un’opera di divulgazione contro la violenza sulle donne, cercando di sviluppare l’attenzione e il dibattito, non solo nelle date “canoniche e simbolo” del 8 marzo o 25 novembre, ma per tutti i giorni dell’anno.

Le interviste sono dedicate alla presenza assordante del silenzio delle donne che non possono più raccontarsi, perché vittime di violenza e ai loro figli, che affronteranno il futuro con la paura negli occhi e senza le loro mamme, nel buio della grande e assoluta assenza, con il ricordo sempre più flebile e al quale saranno perennemente aggrappati…

Fanno parte del Progetto, le mie cover dei brani: “Gracias a la vida”, di Violeta Parra, e “La canzone di Marinella”, di F. De Andrè, utilizzate come “sigla“, durante le presentazioni del libro e il Riconoscimento internazionale “Le donne, acqua nel deserto”, dato a donne e uomini impegnati nella difesa dei diritti dei diritti umani nel nostro Paese.

Presentazioni ed eventi “Il Made in Italy delle donne”, by Ketty Carraffa

Info e contatti: carraffaketty2@gmail.com

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -XIII tappa dei Digital Regional Summit, promossa da The Innovation Group, in collaborazione con Regione Lombardia si terrà a Milano il prossimo 5 febbraio presso la Sala Biagi di Palazzo Lombardia

Mercury Auctions - aste online giudiziarie

Remarketing  Marine - aste online nautiche

Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Kynetic realizzazione siti web a Salerno

Gestione professionale social network con scrittura di post - Kynetic social media agency salerno

Most Popular

Recent Comments