Intervento record al Policlinico San Marco di Zingonia: asportato un liposarcoma addominale di 8 kg

15
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Un tumore all’addome di quasi 8 chili è stato asportato con successo e senza bisogno di trasfusioni, a una donna di 55 anni. Lo straordinario intervento è stato effettuato al Policlinico San Marco di Zingonia – Bergamo (Gruppo San Donato), dal professor Stefano Olmi, direttore dell’Unità di Chirurgia Generale e Oncologica e dalla sua équipe.

La massa tumorale, della grandezza di 50 centimetri per 25 centimetri, occupava totalmente l’addome della donna, schiacciando lo stomaco, i reni, il fegato e la vescica, oltre ai vasi sanguigni principali.

Nel 2020 la donna nota una protuberanza al centro dello stomaco: la condizione viene inizialmente sottovalutata dalla paziente che associa il rigonfiamento alla perdita di molti chili, dovuta a una dieta drastica. Successivamente insorge una nuova protuberanza sul lato destro, e contemporaneamente compaiono diversi sintomi come tensione, dolore addominale, reflusso gastroesofageo e incontinenza urinaria.

Gli accertamenti diagnostici rilevano la presenza di un liposarcoma addominale di grandi dimensioni e l’unica soluzione possibile per la donna è l’intervento chirurgico che, per le caratteristiche del tumore, presenta un rischio operatorio molto alto.
Dopo un’attenta valutazione e considerata anche l’eccezionalità della sua condizione, l’équipe del professor Olmi decide di operare la donna poiché la massa potrebbe compromettere gli organi vitali e l’aorta.

Si tratta di un tumore che raramente dà origine a metastasi, ma che comporta una crescita locale che può compromettere il corretto funzionamento degli organi vicini, costantemente sottoposti a compressione da parte della massa stessa” sottolinea il professor Stefano Olmi, direttore dell’Unità di Chirurgia generale e oncologica del Policlinico San Marco.

Abbiamo provveduto tempestivamente ad operare la donna, in modo da ripristinare quanto prima le normali funzioni fisiologiche. Attraverso un’incisione addominale, siamo riusciti ad asportare completamente la massa, senza dover ricorrere a trasfusioni. Si è trattato di un intervento molto delicato, durato circa due ore, reso possibile grazie ad un grande lavoro di squadra che ha visto coinvolta l’intera équipe chirurgica, anestesiologica e infermieristica che, come sempre, ha dimostrato elevata professionalità e competenza” continua il professor Olmi.

A seguito dell’intervento, è stato necessario un ricovero di quattro giorni. La donna è poi stata dimessa in buone condizioni di salute.

Il Gruppo San Donato (GSD), fondato nel 1957, è oggi fra i primi gruppi ospedalieri europei e il primo in Italia. È costituto da 56 sedi, di cui 3 IRCCS (Policlinico San Donato, Ospedale San Raffaele, IRCCS Ospedale Galeazzi-Sant’Ambrogio). Questi numeri si traducono in una capillare presenza in tutte le principali province lombarde (Milano, Monza, Como, Pavia, Bergamo, Brescia), alle quali si aggiunge Bologna. Cura circa 5 milioni di pazienti all’anno, in tutte le specialità riconosciute, essendo tra i leader, a livello nazionale e internazionale, in Cardiochirurgia, Cardiologia, Chirurgia Vascolare, Neurochirurgia, Ortopedia e Cura dell’Obesità. Realizza l’80% dell’attività clinica in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale (SSN). Conta più di 17.000 collaboratori, di cui più di 7.000 medici. Oltre all’eccellenza dell’attività clinica, ciò che rende unico GSD in Europa è la qualità dell’attività di didattica universitaria e di ricerca scientifica: 225 docenti di ruolo, 665 docenti a contratto e circa 1.200 ricercatori, 5.535 studenti, 1.314 specializzandi, 3.414 pubblicazioni scientifiche nell’ultimo anno e 19.142 punti di Impact Factor.