mercoledì, Aprile 24, 2024
Milano Sostenibile
HomeSenza categoriaBando per progetti di inclusione attiva, in chiusura

Bando per progetti di inclusione attiva, in chiusura

Si chiuderà venerdì 26 maggio l’avviso pubblico per il finanziamento di progetti per l’inclusione attiva e l’integrazione socio lavorativa delle persone con disabilità.

L’iniziativa, che ha una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro (Priorità 3 Inclusione Sociale – ESO 4.8 – Azione H.1 – PR FSE + 2021-2027), è finalizzata a sostenere interventi di inclusione attiva volti a rendere accessibile e continuativa la dimensione del lavoro nell’ambito dei progetti di vita indipendente e inclusione delle persone con disabilità, riducendo e superando le barriere di diversa natura che possono ostacolare la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su base di uguaglianza con gli altri.

Per Elena Lucchini, assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà Sociale, Disabilità e Pari opportunità “l’integrazione tra le politiche attive del lavoro e le politiche di inclusione attiva dirette alle persone con disabilità può accrescere l’occupabilità. Finanziare progetti integrati significa potenziare un approccio che sta valorizzando il welfare territoriale capace di operare una presa in carico multidisciplinare innovando e personalizzando le misure di intervento sempre più attente alla cooperazione tra pubblico e privato”.

Le strategie di intervento dei progetti possono svilupparsi attraverso la realizzazione di una o più delle seguenti linee di intervento:
– 1. Laboratori per le abilità e la partecipazione attiva;
– 2. Percorsi di orientamento ed empowerment;
– 3. Ecosistemi delle relazioni per l’inclusione attiva;
– 4. Gemellaggi e reti per la diffusione delle sperimentazioni sociali.

CHI PUÒ PARTECIPARE – La composizione minima del partenariato prevede l’adesione di almeno 3 soggetti e la partecipazione (con il ruolo di capofila o partner) di almeno un ente pubblico territoriale (Comune, Provincia, Città Metropolitana, Comunità montana o Ambito Territoriale).

Gli Enti beneficiari (capofila e partner) devono appartenere a una delle seguenti categorie: enti pubblici; enti del Terzo Settore iscritti al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS); cooperative sociali di tipo A e B; enti gestori pubblici e privati di Unità d’Offerta (UDO) sociali nell’area disabilità (SFA – Servizi Formazione Autonomia; CSE – Centro Socio Educativo); operatori pubblici e privati in possesso di accreditamento definitivo per l’erogazione dei servizi al lavoro ai sensi della disciplina regionale; operatori pubblici e privati in possesso di accreditamento definitivo all’Albo regionale dei servizi di istruzione e formazione (sezioni A e B); istituzioni formative accreditate nella sezione ‘A’ dell’Albo regionale, di cui all’art. 25 della L.R. n. 19/2007, o gli Istituti professionali di Stato, che realizzano percorsi di IeFP, le istituzioni scolastiche e gli Enti formativi accreditati capofila di ATS (Associazione Temporanea di Scopo), che hanno attivato percorsi di IFTS; le Fondazioni ITS.(LNews)

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -XIII tappa dei Digital Regional Summit, promossa da The Innovation Group, in collaborazione con Regione Lombardia si terrà a Milano il prossimo 5 febbraio presso la Sala Biagi di Palazzo Lombardia

Mercury Auctions - aste online giudiziarie

Remarketing  Marine - aste online nautiche

Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Kynetic realizzazione siti web a Salerno

Gestione professionale social network con scrittura di post - Kynetic social media agency salerno

Most Popular

Recent Comments