domenica, Giugno 16, 2024
Milano Sostenibile
HomeRubricheSalute & BenessereIN LOMBARDIA NON SI FA PIU’ SESSO: LO STRESS TRA LE CAUSE...

IN LOMBARDIA NON SI FA PIU’ SESSO: LO STRESS TRA LE CAUSE PRINCIPALI

I dati dell’ultimo rapporto Censis (2019) sull’attività sessuale degli italiani parlano chiaro: nello stivale ci sono 220mila persone che, pur vivendo una relazione di coppianon fanno sesso. La Lombardia risulta la regione con il maggior numero di quelle che vengono definite “coppie bianche”: secondo il Censis sono il 4,7% del totale. Le principali cause individuate sono lo stress, la vita frenetica e la mancanza di tempo di qualità con il proprio partner.

I dati Censis sono stati confermati da un sondaggio effettuato ad aprile 2024 tramite la community di Elisa Caltabiano, esperta di piacere femminile, al quale hanno risposto 200 persone. I dati emersi ci parlano di coppie che non fanno mai sesso (4,47%) o comunque molto raramente/ogni sei mesi (10,06%). La motivazione principale per la quale si fa poco sesso è che quest’ultimo non risulta essere più tra le priorità della coppia (35,11%). Le cause principali per le quali invece non si fa più sesso sono la mancanza di tempo (29,7%) e lo stress (22%). Il fattore positivo principale che influenza la vita sessuale di coppia è invece il tempo di qualità passato insieme (27,3%). Il quadro composto risulta quindi quello di coppie che fanno fatica a trovare il tempo per avere una buona vita sessuale a causa dei troppi impegni, dello stress dovuto a una vita frenetica e che non vedono più il sesso come una priorità nella propria quotidianità.

“Quelli emersi dal sondaggio sono solo alcuni dei fattori che impediscono a molte persone di avere una buona vita sessuale. – spiega Elisa Caltabiano, esperta in piacere femminile – Il presupposto è che serve avere un concetto del sesso diverso da quello che abbiamo avuto fino a ora. L’educazione sessuale è fondamentale a tal fine: è infatti impensabile che si impari cosa sia il sesso tramite i porno e non attraverso la voce di educatori professionisti.”

Per chi si ritrova nei numeri che sono emersi dal sondaggio e dal rapporto del Censis, Elisa Caltabiano fornisce alcuni consigli al fine di migliorare la propria vita sessuale:

1 – Se si è troppo assorbiti dai vari impegni quotidiani, una soluzione che propongo è quella di mettere in agenda il tempo per la sessualità. Spesso purtroppo ci si dimentica di quanto di positivo ci sia nel fare sesso. Metterlo a calendario vuol dire prepararsi a quel momento e arrivarci nel modo migliore. Il mio consiglio è quello di utilizzare il tempo che si ferma in agenda per sperimentare e conoscersi: questo aiuterà i futuri appuntamenti.

2 – Mantenere la complicità nella coppia è molto importante, a tal fine serve che vi sia una costante comunicazione tra i partner, una comunicazione sincera, che permetta a entrambi di potersi esprimere con libertà. Che consenta di poter dire di sì e di no senza sentirsi in colpa. Quello che deve guidare la coppia sono il gioco, l’ascolto e la leggerezza, non la performance o i clichè.

3 – E’ necessaria una maggiore consapevolezza di sè e dell’altro. Se la donna sa come sentirsi accesa e consapevole di se stessa sessualmente, sarà inevitabile che anche l’uomo ne trarrà vantaggio nella vita sessuale. L’uomo deve quindi avere la capacità di farsi istruire dalla donna su quali siano i fattori che la accendono, questo porterà grandi benefici alla coppia.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -XIII tappa dei Digital Regional Summit, promossa da The Innovation Group, in collaborazione con Regione Lombardia si terrà a Milano il prossimo 5 febbraio presso la Sala Biagi di Palazzo Lombardia

Mercury Auctions - aste online giudiziarie

Remarketing  Marine - aste online nautiche

Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Kynetic realizzazione siti web a Salerno

Gestione professionale social network con scrittura di post - Kynetic social media agency salerno

Most Popular

Recent Comments